Secondo Forum sul Lusso a Porto Cervo – Lettera al Sindaco

Egregio Signor Sindaco,

Peccato che Lei abbia ieri mancato al Forum sul Lusso tenuto al Centro Congressi di Porto Cervo, perché avrebbe potuto sentire le autorevoli relazioni sul “fenomeno lusso”, che sta dietro la produzione di circa il 90% del reddito dell’intero Suo territorio comunale.

Si sarebbe potuto trarre qualche spunto su come migliorarne i servizi e le infrastrutture e quindi portare beneficio all’economia turistica di lusso della comunità.

Spero con questi due appunti di aggiungere a quanto riferitoLe dal Suo Vice:

Si è discusso di far vivere la Costa Smeralda da Pasqua ad Ottobre e di spingere i negozi ad aprire per allungare la stagione, in quanto si è verificato un peggioramento in Costa. Oltretutto la Costa Smeralda non fa più divertire i giovani, che ora vanno tutti ad Ibiza e ad altri posti più divertenti (perfino a Rimini), posti che non hanno neanche lontanamente le bellezze della Costa Smeralda e della Sardegna.

Si devono evitare gli errori del passato con il turismo di massa ed il consumo del territorio. Oggi il vero lusso è la natura incontaminata, nonché i paesini “poveri”, come Matera che è diventata Capitale Europea della Cultura. Niente è più prezioso di quello che è intatto, questo è il vero “lusso” oggi. Si è parlato della grande attrazione delle Cortes Apertes di Oliena, dal quale Arzachena potrebbe prendere esempio per abbellire e valorizzare il suo centro storico ed attrare visitatori qualificati culturalmente in cerca di “lusso”, storia, arte, folklore, artigianato e cibi sani ed eccellenti.

Il mare deve essere visto come la porta d’ingresso all’interno, dove i visitatori possono scoprire i tanti tesori della Sardegna. Infatti, si deve fare “Brand” della Sardegna stessa, un “marchio di qualità”, per attrarre tanti turisti benestanti, che porteranno benessere a tutta l’isola.

Le tante bellezze nascoste della Sardegna, come i giganti di Monte Prama potrebbe attrarre tanto quanto i Bronzi di Riace

L’interessantissima relazione di Attilio Mastino sulla ricca storia antica della Sardegna e del suo popolo, ha rivelato la sua importanza nella civiltà europea e le tante testimonianze nuragiche, fenice, greche e romane, potrebbero anche loro far da grande attrazione turistica, se appropriamente valorizzate e pubblicate. Infatti è fondamentale perfezionare la comunicazione per far conoscere i tanti tesori purtroppo nascosti della Sardegna.

Olbìa era considerata la città bella dai greci ed era luogo di soggiorno preferito dagli antichi romani, da Quinto Cicerone. Oggi bisognerebbe farla rivivere la sua antica gloria e farla diventare capoluogo turistico della Sardegna, ma anche porto di merci in partenza, non solo di arrivo, come è ora, aumentando la produzione delle eccellenze agro-alimentari sarde ed esportarle.

Nel mondo, l’alta gamma, i grandi marchi di lusso, producono un trilione di euro all’anno e i vari settori del lusso sono sempre in aumento e non sentono crisi. Fra qualche anno ci saranno oltre 4000 grandi yachts di oltre 50 metri in navigazione nel mondo e il 60% sarà nel Mediterraneo e tutti questi faranno tappa in Sardegna. Ultimamente ci sono stati 6600 attracchi in Italia, producendo il settore nautico ben 24 miliardi di euro all’economia nazionale.

Mi viene spontanea qualche domanda:
Cosa sta facendo il Suo Comune per accogliere nel modo migliore questi grandi yacht e i loro ricchi passaggeri, per trattenerli ed intrattenerli?

Quanti grandi yacht può accogliere Cannigione? Cosa sta facendo il Comune per ampliare la loro accoglienza nel porto?

Quali sinergie tra Comune e Consorzio Costa Smeralda per risolvere i tanti problemi di cui si lamentano i Consorziati?

Quali passi per contrastare il degrado e riqualificare Porto Cervo, Cannigione e la Costa Smeralda in generale per farla diventare un vero resort di lusso, bella, pulita, ed efficiente, all’altezza delle aspettative della clientela in cerca di lusso?

Far “divertire” significa far “cambiare strada”, nel senso di far fare una esperienza diversa, quindi dobbiamo prepararci per far accompagnare questi ricchi turisti in giro per il nostro Comune e in giro per la Sardegna e farli divertire, scoprendo i tanti meravigliosi tesori nascosti di questa meravigliosa Sardegna, con grandi benefici alla sua economia.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>