La tassa sulle barche

Come ben noto, l’industria principale della Sardegna é il turismo balneare, legato al mare, alle spiagge ed alle meravigliose isole dell’arcipelago di La Maddalena, che si possono raggiungere solo in barca. Queste isole forniscono l’attrazione principale per un grandissimo numero di barche e mega-yacht proveniente da ogni parte del mondo, facendo del turismo nautico una grande fonte di guadagno per la Gallura e di riflesso, per tutta la Sardegna.

I marina dell’Italia ed in particolare quelli della Sardegna, sono notoriamente molto piú costosi di quelli all’estero e quindi già svantaggiati davanti alla concorrenza, ma se aggiungiamo una pesante tassa sulle barche, si rischia un grande fuggi fuggi dai nostri mari. Tutte le barche di oltre i dieci metri di lunghezza che arrivano in Sardegna, possono fermarsi in Corsica, oppure essendo in grado di navigare oltre, possono andare alle Baleari, in Tunisia, in Croazia, Grecia o Turchia, dove i prezzi dei marina sono inferiori e non c’é alcun balzello ulteriore da pagare.

I proprietari dei mega-yacht sono molto attenti alle spese e pure permalosi e non esiteranno a sentirsi presi in giro e punire l’Italia andandosene altrove, tanto il Mediterraneo é grande e vario, con molte bellissime località da visitare in barca.

Certamente lo yacht a motore di 45 metri non verrà in Sardegna per evitare di pagare i 135.000 Euro; figuriamoci gli yacht piú grandi con il balzello di un quarto di un milione di Euro!

Rischiamo di perdere un grande business ed il grande indotto prodotto da questo turismo qualificato. Il potenziale danno alla nostra già precaria economia é evidente. Parafrasando la famosa pubblicità: “No barche, no party”. Il Governo deve rivedere la sua decisione di applicare questa tassa sulle barche, che metterebbe in crisi tutto un settore, vitale per la Sardegna e per l’Italia.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>